Home Politica Nuova Provincia Terni-Spoleto: il sogno può diventare realtà

Nuova Provincia Terni-Spoleto: il sogno può diventare realtà

92
0

Il William Wallace spoletino, Michael Surace, sta portando a casa un risultato storico per la città di Spoleto, o almeno forse riuscirà, insieme ad una serie di associazioni e personaggi attuali e passati della politica spoletina, a dare finalmente la parola agli spoletini su un tema su cui si dibatte da circa un secolo nella Regione Umbria e a Spoleto: il riequilibrio delle province e la nascita della nuova Provincia Terni-Spoleto.

Il passo in avanti è stato fatto ieri al Palazzo della Provincia di Terni, dove a fare gli onori di casa c’era la Presidente della Provincia Laura Pernazza. Di seguito il comunicato delle associazioni che hanno organizzato l’evento:

Riequilibrio Territoriale: Commissione Provinciale allargata e apertura di un Tavolo permanente

Intenso,  partecipato e costruttivo dibattito sulle problematiche ed opportunità del Riequilibrio territoriale tra le due province dell’Umbria.  Numerosi gi interventi all’incontro, tenutosi lunedì 19 dicembre a Terni, presso la Sala Consiliare Provinciale,  promosso da Associazioni e movimenti civici di Terni (Terni Civica e Progetto Terni)  e di Spoleto (Difendiamo Spoleto), con particolare attenzione sulle modalità di gestione ed attuazione del processo di riequilibrio.

Per il Comitato organizzatore apre i lavori Giovanni Ceccotti, coordinatore provinciale di Terni Civica,  illustrando gli obiettivi e affermando che  “il Futuro è già qui, il ruolo dei Civici è  quello di difendere i territori, di trasformare i bisogni, le idee, i sogni in realtà. Siamo convinti sostenitori della Provincia di Terni e Spoleto. A Terni siamo ad un bivio e si possono scegliere due strade: una in discesa, non fare nulla, facile da percorrere ma che rischia di portarci ancora più sul fondo, l’altra in salita, più faticosa, ma che ci permette di mantenere viva la speranza. Noi Civici ci siamo, siamo in modalità di ascolto per fare bene la cosa giusta, perché il Futuro è nel Presente”.

A fare gli onori di casa Laura Pernazza, Presidente della Provincia di Terni, che, dopo i saluti istituzionali, conferma il proprio sostegno all’iniziativa pur con il rispetto dei ruoli, auspicando che la volontà del riequilibrio parta dal basso, dai cittadini, dai movimenti e dai territori. Propone quindi agli organizzatori di richiedere di partecipare alla Commissione provinciale allargata e di attivare un Tavolo Tecnico permanente.

Interviene quindi il Direttore di Confapi Terni, Cesare Cesarini, che plaude l’iniziativa, ricorda che il 97% delle aziende locali sono piccole-medie imprese e conferma che l’Associazione da lui rappresentata è favorevole ad un riequilibrio, e che serve tuttavia un impegno da parte dei politici a livello regionale a partire dagli stessi Assessori e Consiglieri regionali.

Il Consigliere comunale di Terni Civica, Michele Rossi, illustra quindi le vicende storiche e politiche che hanno portato alla nascita della Provincia di Terni, già dimezzata in fase di costituzione; afferma altresì che “l’allargamento della Provincia  porterà notevoli benefici in termini culturali e turistici (basti pensare alle sinergie tra il Festival dei due Mondi, gli scavi di Carsulae  e le Cascate delle Marmore), di sviluppo e di utilizzo di risorse per le infrastrutture. L’esempio da seguire è quello intrapreso da Pesaro e Urbino. In tale direzione è necessario sollecitare la politica affinché si aprano tavoli istituzionali”.

Prende quindi la parola Michael Surace, del Comitato organizzatore e referente dell’Associazione Difendiamo Spoleto,  il quale illustra il progetto della Federazione Umbria del Sud e conferma che “il Consiglio Comunale di Spoleto sta lavorando per il nuovo regolamento comunale che permetta la corretta realizzazione del referendum cittadino per il passaggio nella Provincia di Terni e Spoleto. La battaglia è bipartisan e devono essere correttamente comunicati gli obiettivi e le opportunità”. Illustra quindi in dettaglio tutti i riferimenti legislativi comunali, regionali e nazionali  che devono essere seguiti per iniziare il processo consultivo, che deve partire dai cittadini. Si sofferma quindi sulle criticità riscontrate dalla bozza della nuova legge elettorale regionale che andrebbe a penalizzare ulteriormente i territori di Terni, Spoleto e della Valnerina.

Si registrano inoltre gli interventi di Massimo Brunini (ex sindaco di Spoleto), Franco Valentini (membro del CEDRAV di Preci), Marco Sciarrini (Associazione Cittadini Liberi di Terni), Maurizio Hanke (ex consigliere comunale di Spoleto), Pierluigi Orazi (Confcommercio Spoleto) e Stefano De Majo (autore, attore e regista).

Sono molti, troppi i campi nei quali ancora oggi siamo in attesa di riforme che determinino il riequilibrio delle risorse umane, culturali ed economiche tali da assicurare uno sviluppo regionale duraturo e aumentare la coesione della comunità regionale.  

Siamo pronti a dare voce alle istanze dei cittadini e ai problemi concreti che a volte la politica tende a soffocare, a minimizzare e a tenere sotto traccia, siamo pronti a formalizzare un Patto per il riequilibrio territoriale e la costituzione della Federazione dell’Umbria del Sud. 

Nei prossimi giorni chiederemo ufficialmente di partecipare alla Commissione Provinciale e di costituire un Tavolo Tecnico permanente cui invitare tutti i Sindaci dei Comuni interessati. Noi ci siamo.

Federazione Umbria Sud – Terni Civica – Progetto Terni – Difendiamo Spoleto