Home Cultura A SPOLETO IL TEATRO NON È MORTO

A SPOLETO IL TEATRO NON È MORTO

182
0

Così almeno sembra a vedere la passione che gli studenti dell’Accademia di Arte Drammatica Silvio D’Amico ci mettono per portare in scena lo spettacolo al Teatrino delle 6, spazio dedicato alla memoria di Luca Ronconi.

La passione. Un elemento fondamentale in tutte le attività e soprattutto nel teatro.

A volte magari da sola non basta, ma già che ci sia è un risultato non scontato.

Al Teatrino delle 6 gli studenti del secondo anno del corso di recitazione guidati da Luigi Siracusa che segue il corso di regia, hanno messo in scena “Heroes”, una elaborazione dall’Alcesti di Euripide.

La scenografia è composta da un tappeto di fogli di carta appallottolati, che ricordano tanto la messa in scena degli anni 80 di un concerto di Salvatore Sciarrino, a cura proprio di Luca Ronconi.

Che coincidenze eh?

Quella volta Ronconi nel teatro di Città di Castello, aveva disteso a terra fogli di carta paglia, che illuminati con luci radenti, restituivano l’effetto del mare e a volte della spiaggia.

Curioso che una cosa simile sia successa anni dopo proprio nello spazio intitolato al grande regista.

Bravi tutti. In attesa di ritrovarli bravissimi.

HEROES

esercitazioni degli allievi di II anno del Corso di Regia

a cura di Francesco Manetti e Monica Vannucchi

HELL IN A CELL 

studio da Eracle di Euripide

drammaturgia di Luisa Banfi 

allievo regista Andrea Lucchetta 

TUTTO TORNA

studio da Alcesti di Euripide

drammaturgia Michele Mazzone e Luigi Siracusa

allievo regista Luigi Siracusa 

con gli allievi del II anno

Andrea Dante Benazzo, Cecilia Bertozzi, Anna Bisciari, Ciro Borrelli, Adele Cammarata, Lorenzo Ciambrelli, Anastasia Doagă, Marco Fanizzi, Federico Fiocchetti, Carlotta Gamba, Vincenzo Grassi, Enrico Elia Inserra, Ilaria Martinelli, Michele Enrico Montesano, Luca Nencetti, Elena Orsini Baroni, Davide Panizza, Sofia Panizzi, Diego Parlanti, Eros Pascale, Evelina Rosselli, Caterina Rossi, Giovanni Scanu, Lena Sebasti

L’autore dell’articolo: Moreno Carlini