Home Costume SPOLETO FESTIVAL 2019, LA PRE-PRESENTAZIONE

SPOLETO FESTIVAL 2019, LA PRE-PRESENTAZIONE

190
0

Appuntamento nella splendida sala XVII settembre attigua al teatro Nuovo Menotti per la presentazione del programma del festival. Folta presenza, pubblico locale, orgoglio cittadino, un bel clima di attesa come solo il festival sa creare.

Il programma completo lo trovate nel sito ufficiale del festival, qui un po’ di gossip.

FESTA DI COMPLEANNO

La presentazione del programma è come una festa di compleanno, gioia, soddisfazione e aspettative. Tutti in attesa della torta, cioè di quelle fantastiche due settimane che trasformano una città, bella e tranquilla, nel centro del fermento culturale internazionale. Le premesse ci sono. Un grande miracolo avviato da Giancarlo Menotti e sopravvissuto al suo fondatore, perché se il sogno è grande, tale rimane negli anni, se c’è chi rinfocola il progetto.

E siamo così arrivati al 62esimo compleanno, auguri!

Gli anni passano ma la magia si ripete, con lo stesso entusiasmo e rinnovato prestigio. Il festival è vivo, evviva il festival.

LA DICHIARAZIONE D’AMORE

L’impegno di Ferrara sta tutto nel programma denso di appuntamenti, nomi prestigiosi, presenze eclatanti, cartellina gonfia di sponsor, sostenitori e partner. Tutte le arti si danno appuntamento qui a Spoleto, una volta l’anno. E gli occhi del mondo sono fari accesi sulla città. E’ un amore che si rinnova.

 FIDANZAMENTO E NOZZE

Dietro la parvenza dell’appuntamento ufficiale, nella sala il clima è quello privato dell’annuncio di fidanzamento ai genitori. L’emozione rimane alta, ma il contesto è casalingo. Un contentino campanilistico, da paese, per soddisfare la politica locale, una provincializzazione che non fa più importante il festival. Le nozze, cioè la festa vera, pubblica, è oggi al Mibact a Roma, com’è giusto che sia. È un grande festival, porta il nome di Spoleto, ma è patrimonio del mondo, è questo che lo/ci fa grandi.

LA ROUTINE DEL MATRIMONIO 

Il programma è nutrito e sostanzioso, come di consueto. Molti i volti già noti. Personaggi che tornano. Ferrara si affeziona agli artisti, con loro stringe un rapporto che spesso si tramuta in un legame duraturo e in una reiterata presenza in città. I grandi artisti sono amici, quasi parenti. E si sa, le feste importanti dell’anno si passano con i parenti, come nella migliore tradizione italiana.

LE RICORRENZE

Il compleanno di Menotti cade il 7 luglio. A lui è dedicato il concerto di mezzogiorno. Il minimo indispensabile, ma non sufficiente.

Ai musicisti è stato “imposto di imparare le arie del compositore, e non è stato facile”, afferma Ferrara. Sembra abbiano fatto un grande sforzo, sia lui che i musicisti. 

Sempre al fondatore del festival, nel giorno del suo compleanno, sono dedicate le proiezioni riproducenti due opere di Menotti. Amelia al ballo e Amahl (già proiettato a Natale a Spoleto). Ancora non sufficiente, purtroppo.

NOZZE DI STAGNO

Gli incontri di Mieli via perché dopo sei anni “hanno stancato” (ne rimarrà solo uno), mentre la Asti rimane l’icona del festival che resiste e supera le nozze di stagno con la kermesse menottiana. Lo dice Ferrara “senza imbarazzo”. E via veloci verso le nozze d’argento.

IL FLIRT

Primi approcci con la Cina. Sulla scia dei nuovi accordi del governo nazionale italiano con la grande potenza mondiale anche il Festival intreccia i primi contatti. Non si sa bene, dove, come e quando, ma è normale essendo agli inizi, se sono rose fioriranno. Per ora c’è uno scambio di sguardi ammiccanti, speriamo la Via della Seta passi anche per Spoleto.

IL DIVORZIO

L’imbarazzo invece fa capolino quando si accenna ad Hdrà, ormai storica presenza al festival, per via di “un po’ di problemini di cui vi parlerà il sindaco”. In realtà il sindaco non ne parla ma nella cartellina spunta, inconsueta, una nota del primo cittadino che riprende il filo delle polemiche politiche nate intorno alla presenza del governatore della Calabria a Spoleto nella passata edizione. Una nota che stona, nello spartito di un festival che suona sempre buona musica. Come una stecca in un bel concerto. Se c’è chi si avvia verso le nozze d’argento, qualcuno divorzia. Capita anche nelle migliori famiglie.

Una scorsa veloce al programma, in attesa degli approfondimenti da oggi pubblicati sul sito ufficiale già dalle ore 12:00.

Seguiremo su queste pagine gli appuntamenti e gli spettacoli.

Anche quest’anno sarà un grande Festival!

L’autrice dell’articolo: Leonilde Gambetti